cibo erodoto copy

disegno di Giovanni Carducci

Ho finalmente incontrato Giovanni Carducci. Aveva disegnato per Erodoto qualche mese. Una storia da Sud. Giovanni ha gli olivi a Ginosa, terra di Puglia. E ama il disegno.

Questa volta ci siamo incontrati a Matera. Una mattina. Una breve passeggiata fra le pietre bianche della città. A parlare di olio e di fumetti. E di cibo. Il prossimo numero della rivista avrà attenzione alla cultura del ‘mangiare’. E del coltivare, produrre cibo, allevare animali, crescere il grano, curare gli olivi, potare le viti. La terra, insomma.

Mi ha detto del suo cognome impegnativo. ‘Un nonno nato in Toscana’.

Giovanni è tornato alla sua casa fra gli olivi. E ha deciso che era un momento di gioia. Il cibo come felicità. Come salto di ebrezza. Il cibo (i formaggi, i salami, il pane) come un onda e il surf di un uomo su questa abbondanza. ‘I miei occhi di contadini vogliono l’abbondanza, i buoni raccolti. Vorrei che, su questa Terra, ci fosse cibo per tutti’.

Questo è un altro passo verso il numero di Erodoto che parlerà di cibo. Ci piacerebbe avere i vostri racconti, le vostre immagini, i vostri disegni, i vostri video sul cibo.