Sommario

Lo specchio di Madiba Laura Mezzanotte
Volevo costruire aquiloni Umberto Cecchi
Chador passepartout. La passione di scrivere a Tehran. Intervista a Felicetta Ferraro, Valentina Cabiale e Roberto Ruta
Taccuino giapponese Gabriele Genini e Cristina Taverna
Estonian Biological Farm Isabella Mancini
L’ombra dei Lakota Federico Borella

UNA FOTO UNA STORIA
Due luglio fra Siena e Matera Paolo Barni e Antonio Sansone

Bum bum bum gli ottoni e il kalashnikov Yuri Materassi
Nemmeno un caffè con Kusturica Mario Boccia
Gli avvoltoi di Yazd Valentina Cabiale
A Lalibela si dovrebbe andare a piedi Carla Reschia e Andrea Semplici
Venti anni dopo Andrea Semplici
Firenze, la biblioteca sulla luna Massimo D’Amato

  • Fabio Bertino

    Ho appena scaricato il nuovo numero e già me ne pregusto la lettura. Per ora ho letto gli editoriali di Andrea e di Marco. Da anni mi appassiono ai racconti di viaggio di Andrea e alle sue splendide storie di piccola/grande resistenza. E sono quasi sempre d’accordo con le sue riflessioni. Dopo aver letto l’editoriale, però, devo dire che questa volta farò il possibile per dimostrargli che, alla fine, aveva torto.